Idee per la tua nuova cucina | Consigli per una cucina di colore Rosso
16913
post-template-default,single,single-post,postid-16913,single-format-standard,vcwb,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Consigli per una cucina di colore Rosso

La cucina rossa

Rosso: energia, vivacità e passione. Attorno al rosso ruotano molteplici significati e simbolismi. In Cina, secondo il Feng-Shui, è considerato il colore della felicità. Per noi occidentali è, invece, il colore dell’amore, della forza e del fuoco. Un colore importante e dalle mille proprietà. Si dice che chi ami il rosso abbia un carattere vivace, estroverso e passionale. Colore sempre più in voga nell’arredamento è ideale per la zona giorno visto la grande carica vitale che, secondo la cromoterapia, apporta all’ambiente. Se destinato alla cucina, stimola l’appetito, motivo per cui in oriente tutti i ristoranti sono arredati con i toni del rosso. Va però dosato nella giusta quantità, altrimenti alimenta l’aggressività. Ecco di seguito alcuni consigli per non sbagliare!

1. ADOTTA UN APPROCCIO SOFT

Dimentica il “red everywhere”. Il rosso è un colore energico ma allo stesso tempo rimpicciolisce l’ambiente. Se decidi di usarlo come colore cardine nella tua cucina, non destinarlo a tutti i pensili e mobili. Dosalo con cura. Poiché il nostro sguardo tende a guardare verso l’alto, potresti destinarlo ai soli mobili inferiori e optare per dei pensili superiori dai toni neutri come il bianco o il grigio chiaro. Questa strategia alleggerirebbe l’ambiente-

2. UN ACCENTO DI ROSSO

Il rosso può essere destinato, anche, solo ai dettagli come ai tessili, ai piatti o agli elettrodomestici. Un tocco audace che può ravvivare l’ambiente. Specialmente negli ambienti monocolore dai toni del bianco o del nero, inserire dei dettagli rossi aggiunge brio ed interrompe la monotonia monocromatica. Un’idea? Inserire sgabelli e frigorifero rossi in una cucina bianca. Un tocco chic e al contempo vintage direttamente dagli anni ’50.

3. TRA PARETI E PAVIMENTI

Non solo mobili. Il rosso può essere destinato alle pareti o a pavimenti. Scelta meno impegnativa ma più complessa da cambiare se il risultato poco ci piace. Per le pareti non consigliamo di tingerle tutte ma di creare un unico punto focale inserendo una vivace spruzzata di rosso in una sola parete. Anche il pavimento rosso è un’ottima variante. Pensiamo ai pavimenti in terracotta, ricordano un po’ le vecchie case di campagna, oggi ben si adattano a soddisfare gusti ed esigenze contemporanee. Il pavimento rosso è ottimo se abbinato ad una cucina dallo stile country-chic.

4. ALTERNATIVE

Destinare il rosso solo ad elementi specifici potrebbe essere un’ottima alternativa. Se la tua cucina presenta un’isola, puoi rivedere il colore di quest’ultima optando per il rosso. È importante, per non creare discrepanze cromatiche, che il resto dell’ambiente abbia dei toni neutri. Un altro elemento al quale dare risalto è il piano di lavoro: inserito in una cucina dai toni scuri, è il giusto tocco di luce.

AGLI ANTIPODI: PASSATO E FUTURO

Uno stile che ben si adatta alla cucina rossa è lo stile country. Il colore richiama l’antico focolare domestico, i papaveri e la vita di campagna. Ottimo se accostato a toni del beige, rame, crema oppure nocciola. Agli antipodi dello stile country c’è lo stile moderno. Cucine dalle linee semplici e dai toni chiari in contrasto con il calore del rosso. Il must have è la presenza laccata la cui superficie presenta un gioco di luci e colori. E tu quale cucina preferisci?