Idee per la tua nuova cucina | Arredare una cucina in stile provenzale
17167
post-template-default,single,single-post,postid-17167,single-format-standard,vcwb,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Arredare una cucina in stile provenzale

La cucina in stile provenzale

Facciamo un viaggio nel sud della Francia, precisamente in Provenza. Borghi magnifici, paesaggi rurali e infinite distese di campi di lavanda. Proprio da questa magica regione trae origine lo stile provenzale, simbolo della perfetta unione tra lo Shabby Chich e lo stile Country.

Uno stile perfetto per gli animi romantici e sognatori, per coloro che possiedono una casa di campagna o fuori città.

Le caratteristiche dello stile provenzale

Nato nel lontano XVII secolo, lo stile provenzale deve le sue origini alla borghesia francese che per sfuggire alla rigidità della società, si trasferiva nelle campagne francesi in dimore semplici ma eleganti. Uno stile che si caratterizza per l’uso di materiali naturali come il legno, la pietra e il ferro battuto. A questo si aggiungono colori che permettono di connotare un ambiente tipicamente provenzale: lavanda, bianco, grigio e avorio.

Nulla è lasciato al caso: questo stile denota una particolare attenzione ai dettagli, dai tessili naturali sino alle decorazioni floreali.

La cucina

La cucina provenzale è accogliente, grande, spaziosa. A dominare l’ambiente è il legno, lavorato per la maggior parte con la tecnica del decapaggio. Le linee dei mobili sono curve, morbide e dolci. Dimentica, quindi, i profili squadrati e spigolosi. In una cucina provenzale che si rispetti la cappa ne è protagonista. Circondata ai lati dai pensili e mensole è rigorosamente di grandi dimensioni.

La maggior parte delle cucine provenzali sono dotate di isola, a differenze delle isole moderne che vedono la presenza di fornelli e del forno, l’isola in questo caso funge solo da piano di lavoro ed è libera da qualunque ingombro. Anche il tavolo da pranzo mantiene una continuità stilistica. Gambe ricurve e tondeggianti, e sedie in legno dall’aspetto vintage.

L’illuminazione

L’illuminazione nelle cucine provenzali è un richiamo al romanticismo. La ricerca di un ambiente intimo, del focolare domestico. Tra i lampadari più diffusi vi sono quelli in ferro battuto, un perfetto richiamo al passato. Eleganti e raffinati, ma meno diffusi, i lampadari rivestiti in stoffa.

Accessori

Come abbiamo sottolineato, lo stile provenzale è semplice ma curato nei dettagli. Ecco di seguito alcune caratteristiche:

  • Pentole, vasi, padelle in rame a vista. Questi elementi possono essere appesi come complemento di decoro alle pareti oppure mostrati meditante i pensili muniti di vetrina.
  • I fiori non mancano mai. La lavanda è la pianta più utilizzata e che meglio si addice a questo stile. Non si esclude però l’alternativa dei fiori secchi e erbe aromatiche.
  • Piatti e tazze sono in ceramica o porcellana. Servizi di stoviglie curati nei minimi dettagli
  • Anche i tessili costituiscono un elemento d’arredo. Dalle tovaglie, ai tovaglioli passando per le presine e per le tende. A dominare sono i tessuti naturali, cotone e il lino, dai toni neutri come il beige o l’écru.